Itinerario in moto in Corsica

moto-corsica

Le grandi isole del Mediterraneo sono una meta perfetta per tutti gli amanti della moto. Sono, infatti, raggiungibili in traghetto, prenotando comodamente il tuo biglietto dal sito Traghetti Corsica Info su cui puoi imbarcare la due ruote e lanciarti alla scoperta di percorsi spettacolari e unici lungo le strade interne.

Il percorso che ti proponiamo parte da Bastia e ti dà la possibilità di scoprire un’area meravigliosa dell’isola francese della Corsica. Raggiungere Bastia è molto semplice visti i numerosi collegamenti con i traghetti che trovi sul sito sopra indicato. Da lì sarà sufficiente seguire la strada D80 in direzione Erbalunga.

L’intero itinerario, abbastanza impegnativo, segue la costa orientale della zona a nord dell’isola per poi spostarsi su quella occidentale e rientrare a Bastia; ti offre paesaggi mozzafiato e numerose possibilità di interessanti e curiose soste.

Ci si dirige verso nord alla scoperta di Capo Corso, il cosiddetto “dito” della Corsica, ovvero un promontorio coperto da macchia mediterranea (maquis) e attraversato da un catena montuosa che si affaccia direttamente sul mare.

La prima tappa è proprio Erbalunga che offre la possibilità di una gradita sosta per passeggiare lungo i vicoli del centro chiusi al traffico o lungo il molo e per visitare la torre genovese che si trova al di sopra della marina.

Da Erbalunga a Macinaggio devi percorrere circa 30 chilometri così da raggiungere il porto di Capo Corso più rinomato e frequentato dai turisti. Anni fa Macinaggio era un semplice porto dove partivano e tornavano solo i pescherecci, mentre ora è la meta di tutti quelli che si trovano a navigare nelle acque del Tirreno con una barca a vela.

Dopo questa sosta si lascia la costa per inerpicarsi tra le frazioni che compongono Rogliano insieme a una serie di vigne e distese di ulivi. Da qui è possibile vedere in direzione nord l’estrema punta di Capo Corso, ovvero Barcaggio e il cosiddetto puntino sulla “i” della Corsica, l’isola della Giraglia.

Il tratto successivo è costituito da una stradina lungo la quale devi mantenere alta l’attenzione altrimenti rischi di essere distratto dagli splendidi panorami. Non essendo una strada lineare, ma al contrario proponendo un percorso piuttosto tortuoso, ogni distrazione può essere fatale. Tornato sulla strada principale costiera, la D80, ti consigliamo di salire al Col de Serra per poi ridiscendere verso la costa occidentale di Capo Corso.

Non puoi non fermarti ad ammirare la spettacolare vista che comprende la baia dove si trova la bella Centuri che raggiungerai effettuando una deviazione di soli 5 km. A Centuri è presente un piccolo porto che non potrai dimenticare grazie alla sua posizione unica; anche le case di questo villaggio sono particolari visti i loro tetti verdi.

Nel tratto successivo, la D80 si affaccia sulla costa e con una serie di curve lambisce gli abitati di Pino, Punta Minervio e Canari, dove, se lo ritieni il caso, ti consigliamo di fermarti anche solo per gustare una delle specialità dell’isola. Superate queste cittadine, il paesaggio si fa più selvaggio e aspro, attraversando la famosa macchia mediterranea presente in Corsica, la maquis.

Sei ormai arrivato ai resti di una cava di amianto, ovviamente chiusa da anni, che ti offrono uno scenario unico e irreale grazie al contrasto tra le costruzioni diroccate e la spiaggia di un grigio metallico. Non devi preoccuparti per la presenza di amianto perché accurati studi hanno dimostrato l’assoluta sicurezza della zona, non corri nessun rischio.

Lasciata la spiaggia grigia, continua a costeggiare il mar Mediterraneo lungo la D80 fino a giungere nei pressi della Marina di Farinole, da lì raggiungi il centro di Patrimonio che si trova molto vicino a Bastia, sulla via di ritorno, ai piedi delle montagne del Nebbio. Si tratta di una zona caratterizzata da vigneti dove viene prodotto un vino doc secondo un’antica tradizione. A questo proposito, tornato a Bastia ti consigliamo di cenare in uno dei ristoranti tipici dove poter sorseggiare questo vino unico.

Se questo itinerario ti è piaciuto puoi scoprirne altri di molto interessanti sul sito www.lungastrada.it per cui ti basterà salire in sella alla tua moto e partire alla volta di nuove mete sensazionali!

Be the first to comment on "Itinerario in moto in Corsica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.